IL SENSO DELLA VITA … DARE UN SENSO ALLA VITA

poesie Romanesche

Er compagno scompagno

Un Gatto, che faceva er socialista

solo a lo scopo d’arivà in un posto,

se stava lavoranno un pollo arosto

ne la cucina d’un capitalista.

Quanno da un finestrino su per aria

s’affacciò un antro Gatto: – Amico mio,

pensa – je disse – che ce sò pur’io

ch’appartengo a la classe proletaria!

Io che conosco bene l’idee tue

sò certo che quer pollo che te magni,

se vengo giù, sarà diviso in due:

mezzo a te, mezzo a me… Semo compagni!

– No, no: – rispose er Gatto senza core

io nun divido gnente cò nessuno:

fo er socialista quanno sto a diggiuno,

ma quanno magno sò conservatore!

Trilussa

 

 

Annunci

Er presepio

Ve ringrazio de core, brava gente,

pé ‘sti presepi che me preparate,

ma che li fate a fa? Si poi v’odiate,

si de st’amore non capite gnente…

 

Pé st’amore sò nato e ce sò morto,

da secoli lo spargo dalla croce,

ma la parola mia pare ‘na voce

sperduta ner deserto, senza ascolto.

 

La gente fa er presepe e nun me sente;

cerca sempre de fallo più sfarzoso,

però cià er core freddo e indifferente

e nun capisce che senza l’amore

è cianfrusaja che nun cià valore.

 

Trilussa


La lucciola

La Luna piena minchionò la Lucciola:

– Sarà l’effetto de l’economia,

ma quer lume che porti è deboluccio…

– Si – disse quella – ma la luce è mia!

Trilussa

 


A chi tanto e a chi gnente!

Da quanno che dà segni de pazzia,

povero Meo! fa pena! È diventato

pallido, secco secco, allampanato,

robba che se lo vedi scappi via!

 

Er dottore m’ha detto: – È ‘na mania

che nun se pò guarì: lui s’è affissato

d’esse un poeta, d’esse un letterato,

ch’è la cosa più peggio che ce sia!

 

Dice ch’er gran talento è stato quello

che j’ha scombussolato un po’ la mente

pe’ via de lo sviluppo der cervello…

Povero Meo! Se invece d’esse matto

fosse rimasto scemo solamente,

chi sa che nome se sarebbe fatto!

 

Trilussa

 


La Maschera

maschera

Vent’anni fa m’ammascherai pur’io.

E ancora tengo er grugno de cartone

che servì p’annisconne quello mio.

Sta da vent’anni sopra un credenzone

quela Maschera buffa, ch’è restata

sempre co la medesima espressione,

sempre co la medesima risata.

‘Na vorta je chiesi: “Beh, come fai

a conzervà lo stesso bon umore

puro ne li momenti der dolore,

puro quanno me trovo fra li guai?

Felice te, che nun te cambi mai,

felice te, che vivi senza còre”.

La Maschera arispose: “E tu che piagni,

che ce guadagni? Gnente, ce guadagni.

Ché la gente dirà: Povero diavolo,

te compatisco… me dispiace assai…

Ma in fonno, credi, nun je ‘mporta un cavolo.

Fa’ invece come me, ch’ho sempre riso

e, si te pija la malinconia,

coprite er viso co la faccia mia,

così la gente nun se scoccerà…

Da allora in poi, nasconno li dolori

de dietro a un’alegria de cartapista

e passo per un celebre egoista,

che se ne frega de l’umanità.

Trilussa

 

 


L’ingiustizzie der monno.

cosi-va-il-monno

Quanno che senti di’ “cleptomania”

è segno ch’è un signore ch’ha rubbato:

er ladro ricco è sempre un ammalato

e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato

che rubba una pagnotta e scappa via

pe’ lui nun c’è nessuna malatia

che j’impedisca d’esse condannato!

Così va er monno! L’antra settimana

che Yeta se n’agnede cór sartore

tutta la gente disse: – È una puttana. –

 

Ma la duchessa, che scappò in America

cór cammeriere de l’ambasciatore,

Povera donna!  dissero  È un’isterica!…

Trilussa

 

 


Er pensiero

pensiero

Qualunque sia pensiero me viè in mente

prima de dillo, aspetto e, grazzi’a Dio,

finchè rimane ner cervello mio

nun c’è nessuno che me po’ di’ gnente.

 Ma s’opro bocca e je do fiato, addio!

L’idea, se nun confifera la gente,

me po’ fa’ nasce qualche inconveniente

e allora er responsabile so’ io.

Per questo, ner risponne a quarche amico

che vorebbe sapè come la penso,

peso e misuro tutto quer che dico.

E metto tra er pensiero e la parola

la guardia doganale der bon senso

che me sequestra er contrabbanno in gola.

 

Trilussa


La Sincerità

sincerita

M’aricorderò sempre che mi’ nonno, pe famme pijà sonno,

me diceva la favola de quello  ch’annava in cerca de sincerità.

Io, però, m’addormivo sur più bello

 che nimmanco arivavo a la metà.

Tutta quanta la favola nun era che la storia de Gnocco:

 un pastorello  ch’uscì de notte per annà ar Castello

 de la gente sincera; ma arivato a lo svorto d’una strada 

incontrava ‘na povera vecchietta  che je diceva: “Abbada,

 tiè sempre d’occhio quer lumino verde

che riluce, sbrilluccica e se perde

co la stella der cèlo più vicina…  e cammina, cammina…

Però, si nun sei pratico, passi un momento critico,

cor Cignale politico e er Gatto dipromatico.

Nun te fidà dell’Omo ch’accomoda l’idea,

seconno la livrea  che porta er maggiordomo.

E abbada all’Orco Rosso  che fa er vocione grosso:

abbada all’Orco Nero   perché nun è sincero;

abbada all’Orco Bianco  perché nun è mai franco.

Per cui, pe èsse certo,   de chi te s’avvicina, 

 tiè sempre un occhio aperto   e cammina, cammina …

E Gnocco camminava, Dio sa quanto,

tutta la notte fino a la matina, fra l’Orchi e fra le Streghe:

ogni momento  trovava un tradimento…

Com’annava a finì? Già ve l’ho detto: 

prima ch’er pastorello   arivasse ar Castello,

m’addormivo, finché mi’ nonno me metteva a letto.

Purtroppo, puro adesso, si vado in cerca de sincerità

me succede lo stesso:   e come ne la favola de nonno,

pur’io vedo un lumino,  lontano, in fonno in fonno…

E cammino, cammino, finché casco dar sonno.

Trilussa

 


Er Salice Piangente

er-salice-piangente

 

 Che fatica sprecata ch’è la tua!

 diceva er Fiume a un Salice Piangente

 che se piagneva l’animaccia sua –

Perchè te struggi a ricordà un passato

 se tutto quer che fu nun è più gnente?

 Perfino li rimpianti più sinceri

 finisce che te sciupeno er cervello

 per quello che desideri e che speri.

 Più ch’a le cose che so’ state ieri

 pensa a domani e cerca che sia bello!

 

Trilussa


Er disinteresse

er-disinteresse

Una Mosca cascò drento un barattolo

pieno de marmellata

e ciarimase mezza appiccicata.

Cercava de stà a galla, inutirmente,

provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente!

Più s’attaccava ar vetro,

più scivolava addietro.

 

 

Un Ragno, che pe caso

lavorava su una trave der soffitto,

cor filo de la tela, dritto dritto,

scese a piommo sur vaso:

“Che bella Mosca” – disse – “pare un pollo.

È necessario che la sarvi io

pijannolla p’er collo

armeno ce guadagno

che fo ‘na bona azzione e … me la magno”.

 

Conosco uno strozzino amico mio

che cià li stessi metodi der Ragno…

Trilussa


A che te serve

A che te serve

 

A che te serve esse arto

 se poi nun sei all’artezza?

 Oppure esse bello

 si drento de te nun c’è bellezza?

 

A che te servono li sordi

 si nun conosci la ricchezza?

 Oppur ave’ cento diplomi

 si te manca la saggezza?

 

A che te serve ‘na gran casa

 ma nessuno che l’apprezza?

 Oppure tanta gente intorno

 ma nemmeno… ‘na carezza?

 

Ottavo Poeta

 


La Violetta e la Farfalla

farfalla

 Una vorta, ‘na Farfalla

mezza nera e mezza gialla,

se posò su la Viola

senza manco salutalla,

senza dije ‘na parola.

La Viola, dispiacente

d’esse tanto trascurata,

je lo disse chiaramente:

– Quanto sei maleducata!

M’hai pijato gnente gnente

Per un piede d’insalata 

Io so’ er fiore più grazzioso,

più odoroso de ‘sto monno,

so’ ciumaca e nun ce poso,

so’ carina e m’annisconno.

Nun m’importa de ‘sta accanto

a l’ortica e a la cicoria:

nun me preme, io nun ciò boria:

so’ modesta e me ne vanto!

Se so’ fresca, per un sòrdo

vado in mano a le signore;

appassita, so’ un ricordo;

secca, curo er raffreddore

Prima o poi so’ sempre quella,

sempre bella, sempre bona:

piacio all’ommini e a le donne,

a qualunque sia persona.

Tu, d’artronne, sei ‘na bestia,

nun capischi certe cose? –

La Farfalla j’arispose:

– Accidenti, che modestia!

 

Trilussa


Rimedio

 Rimedio

Un Lupo disse a Giove: – Quarche pecora

dice ch’io rubbo troppo… Ce vô un freno

per impedì che inventino ‘ste chiacchiere… –

E Giove je rispose: – Rubba meno.

 

Trilussa

 


Parole e fatti

i sorcetti 

Certi Sorcetti pieni de giudizzio

s’ereno messi a rosicà er formaggio,

fecero finta de tené un comizzio.

Un Sorcio, infatti, prese la parola

con un pezzo de cacio ne la gola.

 

Colleghi! – disse – questa è la più forte

battaja der pensiero che s’è vista:

io stesso lotterò pe’ la conquista

de l’ideale mio fino a la morte!

Voi pure lo farete, so’ sicuro… –

Ogni Sorcetto j’arispose: – Giuro!

 

Fanno le cose propio ar naturale,

disse er Miciotto – come fosse vero.

L’appetito lo chiameno Pensiero,

er formaggio lo chiameno Ideale…

Ma io, però, che ciò l’Istituzzione,

me li lavoro tutti in un boccone.

 

 

Trilussa

 

 

 


Mi Padre

 

Mi Padre

  

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione

 a chi chiacchiera troppo; a chi promette

 a chi dopo èsse entrato, fa: “permette?”;

a chi aribbarta spesso l’opinione

 e a quello, co’ la testa da cojone,

che nu’ la cambia mai; a chi scommette;

 a chi le mano nu’ le strigne strette;

 a quello che pìa ar volo ogni occasione

 pe’ di’ de sì e offrisse come amico;

 a chi te dice sempre “so’ d’accordo”;

a chi s’atteggia come er più ber fico;

 a chi parla e se move sottotraccia;

 ma soprattutto a quello – er più balordo –

che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

 

 

 Aldo Fabrizi


La Cornacchia libberale

 

la cornacchia 

Una Cornacchia nera come un tizzo,

nata e cresciuta drento ‘na chiesola,

siccome je pijò lo schiribbizzo

de fa’ la libberale e d’uscì sola,

s’infarinò le penne e scappò via

dar finestrino de la sacrestia.

 

Ammalappena se trovò per aria

coll’ale aperte in faccia a la natura,

sentì quant’era bella e necessaria

la vera libbertà senza tintura:

l’intese così bene che je venne

come un rimorso e se sgrullò le penne.

 

Naturalmente, doppo la sgrullata,

metà della farina se n’agnede,

ma la metà rimase appiccicata

come una prova de la malafede.

Oh! – disse allora – Mó l’ho fatta bella!

So’ bianca e nera come un purcinella…

 

E se resti così farai furore:

je disse un Merlo – forse te diranno

che sei l’ucello d’un conservatore,

ma nun te crede che te faccia danno:

la mezza tinta adesso va de moda

puro fra l’animali senza coda.

 

Oggi che la coscenza nazzionale

s’adatta a le finzioni de la vita,

oggi ch’er prete è mezzo libberale

e el libberale è mezzo gesuita,

se resti mezza bianca e mezza nera

vedrai che t’assicuri la cariera.

 

Trilussa


Scarozzate

 

scorazzate

“Volete accompagnamme, sòra Rosa,

A casa mia pe’ facce ‘na bevuta?

Si nun ve piace er vino, una spremuta

D’arance dorce è sempre assai gradita”.

 

“A me me pare che quanno m’invita

Quarcheduno, lo fa perché cià avuta

Voja de fà come a la sòra Tuta,

Che annò co’ peppe e aritornò stranita”.

 

“Però voi sète stata cor sor Checco,

E avete fatta quela porcheria,

Peccui vostro marito adesso è becco”.

 

“E’ vero, ma ve dico, sor compare,

Che ‘sta carozza è solamente mia,

E po’ montacce solo chi me pare!”.

 

Marzotto de Roma


Er lupo e la pecora

 

 

 er lupo

Er lupo, che beveva ner torente,

A la pecora disse: “Ciai paura?

Te pòi accostà e pòi lenì l’arsura,

Ché t’assicuro nun te faccio gnente”.

 

“Tu nun me freghi co’ ‘sto bonaspetto”

J’arispose la pecora impaurita.

“Sei quello ch’ha sbranato cappuccetto!

 

Voi lupi, è noto, ste arciassassini.

Sgozzate inzino a tojeje la vita

Co’ le zanne bavose l’agnellini”.

 

“Vorrei fatte capì, si ce riesco,

Ch’é un’impressione, che cusì nun semo:

Presempio pensa un po’ a Rommolo e Remo

E pensa ar lupo assieme a San Francesco.

 

È l’omo, pei su’ scopi umanitari

Che ce calunnia in giro, è lui ch’ha detto

Che i lupi so’ feroci e sanguinari.

 

Mentre ce dipingeva a ‘sta magnera,

Pe’ fallo, so’ sicuro, ce scommetto,

Stava a guardasse drento a ‘na specchiera”.

 

Pasquino da Todi  


L’Aquila

Aquila

L’Aquila

 

L’ommini so’ le bestie più ambizziose,

disse l’Aquila all’Omo – e tu lo sai:

ma viettene per aria e poi vedrai

come s’impiccolischeno le cose.

 

Le ville, li palazzi e li castelli

da lassù sai che so’? So’ giocarelli.

L’ommini stessi, o principi o scopini,

da lassù sai che so’? Tanti puntini!

 

Da quel’artezza nun distingui mica

er pezzo grosso che se dà importanza:

puro un Sovrano, visto in lontananza,

diventa ciuco come una formica.

 

Vedi quela gran folla aridunata

davanti a quer tribbuno che se sfiata?

E’ un comizzio, lo so: ma da lontano

so’ quattro gatti intorno a un ciarlatano

 

Trilussa


Cortiggiani

 

cortiggiani

Ho preso un granchio a secco, grosso assai!

Strillò un re che pescava in riva ar mare.

Er maggiordomo disse: “ma je pare!

Un re, li granchi, nu’ li pija mai!”

Allora – fece er granchio fra de sé –

Diranno che so’ io ch’ho preso un re!

 

 Trilussa  


Prati ( quartiere Romano )

Prati

 

 Me ricordo quann’ero regazzino

Me svejava cor vocione ‘o stracciarolo

E io sognavo de tirajie ‘no scarpino

Da la finestra e de pjiallo ar volo

 

Puro d’inverno a le sei der matino

Imbacuccato come si abbitasse ar polo

Strillava come ‘n matto ‘sto bburino

Trascinanno er caretto tutto solo

 

Si penzo a ch’è oggi ‘sto quartiere

A li turisti, a la ggente che ce vive

A li vicini e la mancanza de magnere

 

Ai ritmi che t’empone, a le scajie

Me viè da gridà e puro da scrive

Arivojio l’omo de le cianfrusajie

 

 

Er Discepolo Romano

 


La cameriera

la cameriera

All’osteria de drago

Te fa da cammeriera

‘Na veneziana.

Rossa de pelo, bella de viso te se compra co’ ‘n soriso.

Co’ l’occhi lei te furmina

Co’ la favella te la canta

Tu magni, t’abbuffi,

E resto nu conta.

Si je chiedi de li vini, te li venne a sòn de quadrini

Quanno poi t’ariva er conto

Sarv’ognugno!

Questa nu guarda ‘n faccia a nissuno.

Co’ grazia e co’ maniera,

Er pel de carota t’ha lasciato

Co’ la saccoccia vota.

 

 Silvio Cicconi


I peccati capitali

li peccati capitali

Li peccati capitali

 

A quel tempo, quanno ‘a proibizione

 

Poteva chiammasse, religione

Un sor, de certo cristiano

 

Pensò de infinocchià, l’essere umano.

 

Ecco che te creò

 

I 7 vizi capitali

Tanto pe’ intuì

 

Che nu semo tutti uguali.

 

 

La gente

Cià ‘a propria capoccia

 

Drento nu cia niente

 

E fòra cià la coccia.

 

‘A prima fu ‘a superbia

 

Sòra de a superiorità

 

Che poi, ‘na vòrta ‘n cima

‘Ndò vòi più annà

 

 

 

Magari passi a vita

A dì m’ammazzo m’ammazzo

 

E quanno t’accorgi ch’è finita

 

Er tempo t’è volato come ‘n razzo.

 

A seconda è l’avarizia

 

M’appare più de pigrizia

 

Perché a colui nu je va da spenne

Tanto come tutti, ce deve da lascià le penne.

 

 

E lo sa’ pure lui

 

Che lassù ‘a moneta

Nu è bòna

 

Guadambiata in vita.

 

 

Er terzo è ‘a lussuria

Poi sarebbe er sesso

 

Che er Dio cià fatto

 

Che a nessuno tocca chiede er permesso.

 

Basta che li membri

 

L’hanno approvato

 

Nu vedo perché

 

Se debba senti peccato.

 

‘A quarta è l’invidia

 

Che te parla da sola

 

Diciamo è ‘n difetto

 

Drento ‘n antra parola

 

Perché un che se logora

 

Vede a sta’ bene la gente

 

A parer mio

Cià grandi problemi de mente.

 

 

Poi ce sta l’ingordiggia

 

Ch’è figlia della gola

Una fa’ la scarpa

 

E l’altra fa la sòla.

 

 

Apresso c’è l’ira

‘A coppia co’ ‘a vendetta

 

Tanto chi t’ha promette

 

Se mette lì e aspetta.

 

Perché lui

 

Cià solo quello de pensiero

 

‘Na vòrta fatta

 

Ritornerebbe n’òmo vero.

 

E a chiude c’è l’accidia

 

Colui che nu applica er bene

 

Che pe’ me è gia tanto

 

Se er male so tiene

 

Uno pe’ uno

 

Che adesso t’ho elencato

 

Dio mio

 

‘Na domanda te ciò portato

 

Pe’ quanto i difetti

 

Pure er sottoscritto

 

Li butterebbe tutti

 

Ma li piaceri che tu ciài donato

 

Perché quel cristiano

 

Cià negato?

 

Sor Giuliano di Roma


Bocconi amari ( A tavola cor telegiornale )

bocconi amari

 

A casa der sor Checco, a pranzo e cena

Se magna assieme cor telegiornale;

Cosa che de ‘sti tempi fa stà male:

Nun c’è notizzia che nun t’avvelena.

 

‘No scippo, un morto, un pupo all’ospedale,

Che scialo de violenza, quanta pena!

Sor diavolo ha stuccato la catena

E fà ogni giorno in tèra un baccanale.

 

Checco, chiama la moje, e schizzo fatto,

Ner mentre mòre l’Africa affamata

Je scegne un lagrimone drent’ar piatto.

 

– Smorza ‘sta “tele” amò, che ‘si fregata,

Nù je la faccio più, qui dò de matto

Troppo peperoncino a ‘st’arabbiata!

 

 Giuseppe Caporuscio

 

 


Er baretto der caffettino

il barretto

 

A via de la Moletta ce sta un localino

Dovresti da sentì come fa er cappuccino

Un caffè con po’ de crema e de panna un pochino

E sta deliza lo chiameno “caffettino”.

 

Si tu l’assaggi è squisito da godere

Appena che lo bevi te lecchi puro er bicchiere

Si senti quant’è bono e allora capirai

Si io de piallo nun me ne scordo mai.

 

Na bella coppia sta dietro ar bancone

Che a vedelli te mette er bonumore

Servono li clienti con grande cortesia

E nun ce ne sta uno che scontento è ito via.

 

Massimiliano arto come na filagna

Ma de questo la moje nun se ne lagna

Stefania piccolina e sempre soridente

Che solo a guardalla nun capisci più niente.

 

Daniela bella figlia lavora co’ loro

Vestita uguale fa un gran tesoro

La vedi dietro al banco che serve li clienti

Con grande premura e sempre soridente.

 

Qui ce vengheno in tanti e pure da lontano

Perché la colazione è fatta in modo sano

E in questo locale te se rinfranca er core

Perché te senti sempre, trattato con amore.

 

di Pasquino II  

 

 

 

 

 

 

 

 


Paura (Poesie Romanesche )

paura

Prima o poi capita a tutti

Belli o brutti deboli e forti

A ‘na cert’ora ariva la paura

Sempre senza che nissuno la ‘nvitata

È senza educazione, ‘na maleducata

Quanno è forte arissomja a ‘na cortellata

N’attimo prima stavi rilassato

L’attimo dopo t’aritrovi impanicato

Fa come je pare se dice che t’assale

Te blocca er core la respirazione

Quanno è troppa c’è pure chi ce more.

Dar canto mio ciò fatto un patto

Portannoje tanto de rispetto

Allora lei è diventata più cordiale

Quasi riverente e come pò m’avverte

Quanno er pericolo è vicino

Quanno er pericolo è imminente

Da nemica è diventata n’alleata

Da strega s’è trasformata in una fata

Che ner momento critico m’ajuta. 


Roma…. trastevere “Er dialetto Romanesco “

trastevere

 

A roma dimo ‘ao’ e a molti po sembra scortese,

ao é pe n’amicizia che nun dura solo nmese.

Strillato,a voce bassa, scritto o appena pronunciato,

me girerò pe te perché so che tu m’hai cercato.

E c’é chi dice che sia solo da maleducati,

a dillo so sti quattro perbenisti ripuliti.

Noi a roma dimo:ao che c’hai bisogno de quarcosa?

Ao é pe mi madre,pe n’amico e pe na sposa.

ce basteno du lettere, du sole pè chiamasse.

A Roma dimo aò e basta questo pe girasse.

Du lettere romane de romana mperfezione .

E quell’accento forte fallo bene è distinzione!!!!

 

 il profondo senso di due vocali  “ ao”

 

 


Magnà e dormì

fabrizi

 So’ du’ vizietti, me diceva nonno,

 che mai nessuno te li pò levà,

 perché so’ necessari pe’ campà

 sin dar momento che venimo ar monno.

 

 Er primo vizio provoca er seconno:

 er sonno mette fame e fà magnà,

 doppo magnato t’aripija sonno

 poi t’arzi, magni e torni a riposà.

 

 Insomma, la magnata e la dormita,

 massimamente in una certa età,

 so’ l’uniche du’ gioje de la vita.

 

 La sola differenza è questa qui:

 che pure si ciài sonno pòi magnà,

 ma si ciài fame mica pòi dormì.

 

 (Aldo Fabrizi)